Alencon

AlenconAlençon, bella cittadina della Normandia di 28000 abitanti, fu la prima città francese ad essere liberata dalle forze francesi alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Nonostante i bombardamenti subiti durante la guerra la città ha conservato tantissimi antichi e pregevoli edifici, uno di questi è la splendida chiesa di Notre-Dame. La sorella del re Francesco I, Marguerite d'Angouleme, sposò il duca René d'Alençon nel tardo XV secolo e patrocinò le finiture della splendida chiesa gotica di Notre-Dame. All'interno, cani di piccola taglia e draghi adornano nervature dalle volte elaborate,  molto raffinate anche le vetrate risalente agli inizi del XVI secolo.

Alençon è una cittadina movimentata e accogliente, nota per la tradizionale industria del merletto, vera e propria arte oggi non più così fiorente.

Il Musée des Beaux-Arts et de la dentelle, ospitato in una scuola gesuita, ha tutte le caratteristiche migliori di un museo moderno. Al piano superiore del museo si può fare una panoramica della storia del merletto per la città, con numerosi esempi di tecniche diverse spiegate. Il museo contiene inoltre una raccolta di macabri reperti cambogiani come lance, fiocine, teschi di tigre e le zampe di elefanti ', raccolte da un "militante socialista" governatore francese a cavallo del secolo. I dipinti della sezione adiacente Beaux-Arts hanno tra i loro collezione alcune opere di Courbet e di Géricault.


Il punto di Alencon 
Alençon ha avuto per lungo tempo una reputazione di eccellenza per sua industria del merletto e nel XVII secolo, la città divenne famosa grazie al singolare "Punto di Alençon" un ricamo di pizzo, uno dei più delicati di tutti gli orientamenti artistici per il merletto. Questa esperienza diede alla città una reputazione di eccellenza, qualità e innovazione.

Sul fiume Sarthe, nel piccolo museo Musée de la Dentelle et du General Leclerc si concentra anche sulla storia dell'artigianato locale. Un tempo 8.000 persone nella zona producevano pizzi per l'aristocrazia e il clero di Francia. In effetti, prima della Rivoluzione Francese a nessun altro era permesso indossare pizzi e merletti se non a loro. Ora esiste una famosa scuola per il merletto e non potrebbe essere che così, la tradizione prosegue. i è un merletto scuola in città ora.

Altri luoghi di interesse

Ci sono diverse cose interessanti da vedere ad Alençon, tra queste lo Château des Ducs, il vecchio castello del XII secolo nei pressi del già citato Musée des Beaux-Arts et de la dentelle, appare bello e impressionante, ma ora è una prigione, e le persone in Alençon hanno ricordi da incubo sul suo utilizzo da parte da parte delle truppe naziste (sopratutto della famigerata polizia politica Gestapo) nella seconda guerra mondiale. Interessante comunque visto che i lavori per la sua costruzione furono iniziati da Enrico I, figlio di Guglielmo il Conquistatore e re d'Inghilterra.

Per i più devoti da non perdere una visita alla casa natale di Santa Teresa (Therese Martin) che nacque qui il  2 gennaio 1873 presso rue Saint Blaise al numero 50. La casa, è piena di oggetti e persino i mobili di famiglia, che sono appartenuti alla santa e alla sua famiglia. Nella bella Eglise Notre Dame si trova la fonte battesimale dove fu battezzata la santa.
Interessante per gli amanti di storia militare anche il Museo Leclerc, in rue du Pont Neuf che descrive il ruolo si Alencon durante la Seconda Guerra Mondiale con alcune foto affascinanti. 
Alençon è una base ideale da cui partire per esplorare la campagna circostante diverse, tra cui la foresta Ecouves, e, nel cuore delle colline Alpes Mancelles, Saint Ceneri-le-gerei, è citato uno dei "borghi più belli di Francia".

Voli economici per la Francia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...